#yodéolubajo

L'amicizia con Yode dura da così tanto tempo che ho dimenticato esattamente quando sia iniziata. Sono sicuramente più di 17 anni ormai. lui vive a Barcellona, ma viveva a Mestre, vicino a Venezia. Yode di professione fa il capo cabina per British Airways, quindi il suo lavoro ha sede a Londra ed ogni "missione" parte dal Terminal 5 dell'aeroporto di  Heathrow. La sua personalità è divertente, piena e audace. È raro per lui uscire e non fare nuove amicizie. Tuttavia, non è affatto una persona superficiale! Io sono esattamente l'opposto e notoriamente gli opposti si attraggono. Quindi eccoci qui, a poca distanza dal secondo decennio come migliori amici.

Anni fa, abbiamo avuto una conversazione sul tema servizio clienti. Per hostess e steward, tutto ruota intorno a questo. Ricordo ancora quando hai visitato il mio negozio per la prima volta, abbiamo fatto un brindisi con del vino e sono entrate due signore. Invece di bere il nostro vino, lo abbiamo offerto a loro, come hai suggerito di fare. Una di quelle signore non è solo diventata cliente, ma anche una delle mie amiche più care. A causa ( o merito) della globalizzazione, è possibile comprare occhiali rari via internet, quindi, oggigiorno dare ai miei clienti quel pizzico di attenzione in più, fa la differenza rispetto a qualsiasi offerta del mercato virtuale e ad alcuni colleghi del mondo "fisico". Cosa è cambiato nel tuo lavoro negli ultimi dieci anni? Il cliente percepisce e apprezza ancora un servizio buono o eccellente, o volare è diventata un'azione come mangiare al fast-food? Questi cambiamenti , secondo te, riguardano diversi settori?

Ciò che il cliente vuole ora è un buon rapporto qualità-prezzo, poiché ci sono così tanti concorrenti là fuori, soprattutto con l'arrivo di vettori "economici" e a basso costo. Quindi, molti non si preoccupano molto del servizio, ma solo di quale compagnia aerea è la più economica. Tuttavia, a causa della reputazione percepita della mia compagnia aerea e di altri vettori a "servizio completo", c'è un numero significativo di clienti disposto a pagare un extra per volare con noi, per un comfort maggiore, standard di servizio e un'ampia rete di rotte.

Il tuo lavoro ti ha dato la possibilità di visitare tante città nel mondo; hai vissuto in Nigeria, dove sono le tue radici, nel Regno Unito, dove sei nato e tornato per laurearti, in Italia per ragioni di cuore, e ora la Spagna, che è più adatta al tuo stile di vita. Quindi, conosci persone di ogni continente e tutti hanno cose buone e cattive. Cosa ti è piaciuto di più delle persone che hai incontrato qui a Venezia e perché? Hai notato alcuni cambiamenti comuni in tutto il mondo, indipendentemente da dove vivono le persone?

A causa della piccola comunità di Mestre, dove ho vissuto per quasi 10 anni, e del fatto che la vita gay era, ed è tuttora molto limitata e sporadica, ho potuto stringere e conservare diverse amicizie, come con te, che dureranno per sempre. All'inizio trovavo i veneziani piuttosto razzisti e antipatici, ma con il tempo ho iniziato a conquistare le persone con il mio fascino unico. E una volta che entri nel cuore degli italiani in generale, diventi parte integrante della famiglia.

Tu ed io amiamo cucinare, "nutrire" i nostri amici, mangiare e bere (socialmente, ovvio). Credi che esista una cucina specifica, ad esempio indiana, o italiana, o ... che contribuisca maggiormente alla buona riuscita di una cena con amici? Quali sono i piatti italiani che hai inserito nel tuo ricettario personale?

Penso che la chiave per una cena di successo sia creare cibo fusion. Quindi, nel mio caso, ho imparato a usare le spezie di molti paesi in tutto il mondo e mescolare e abbinare le cucine, creando la mia miscela. Dall'Italia, probabilmente direi che ho imparato a cucinare la pasta, accompagnata con condimenti diversi, come ragù, bolognese, pesto ecc. Ma ho sempre dato un tocco mio e l'ho aromatizzato!

 

Ricordo che quando ho fatto domanda per un lavoro presso British Airways,  anche se pensavo che il colloquio fosse andato alla perfezione, non sono stato assunto perché ho scelto di indossare  jeans quel giorno, invece di un abito. Hai sempre lavorato indossando un'uniforme. È per questo che ti piace vestirti in modo più creativo quando non lavori? Hai imparato a indossare occhiali alla moda e qualsiasi tipo di cappello, come fanno le fashioniste più famose. Perché ci sono, secondo te, così pochi uomini che osano vestirsi, fuori dagli standard che di solito vediamo sulle riviste o per essere più contemporanei su Instagram?

A meno che non siano in colori audaci, fatti su misura e tagliati in modo unico, trovo gli abiti da uomo molto noiosi, soprattutto se con cravatta. Principalmente indosso l'abito al lavoro o per occasioni molto formali. Non li trovo nemmeno particolarmente comodi e un piuttosto restrittivi. Semmai mi piacciono vestiti che di sono cuciti con un tessuto più morbido. Non mi piace seguire le tendenze, perché mi piace esprimere la mia personalità, quando mi vesto per ogni diversa occasione. Quindi si, sono spesso vestito in modo vistoso. La maggior parte degli uomini è timida e non vuole attirare l'attenzione su di sé, quindi non oserebbe indossare qualcosa di eccentrico. Trovo anche che la maggioranza dei maschi, specialmente gli uomini eterosessuali, non abbiano alcun senso della moda. Anche in Italia, dove mi aspettavo che gli uomini fossero più audaci e chic, sono rimasto molto deluso e spesso mi sono sentito vestito troppo sopra le righe in confronto a loro, mentre vivevo lì. La maggior parte degli uomini si sente a proprio agio solo con un paio di jeans, scarpe da ginnastica e maglietta!

Poiché i tuoi amici più stretti ricevono il tuo "discorso della regina" alla fine di ogni anno tramite e-mail, vorrei condividere un po 'della tua saggezza con i nostri follower, che potrebbero leggere queste righe fra alcuni mesi o anni. Cosa consiglieresti alle persone fare per poter vivere una vita migliore e interagire (o non farlo) nel migliore dei modi con il resto dei "cittadini del mondo", ora che abbiamo visto malattia, vissuto l'isolamento e distanza sociale a causa del coronavirus?

Le persone hanno bisogno di cambiare la loro mentalità. Smettere di fare la "vittima" in qualsiasi situazione. Ricorda che abbiamo davvero il controllo delle nostre vite. Non abbiamo alcun controllo sulle azioni degli altri, ma possiamo controllare come reagiamo/rispondiamo a loro. È importante essere grati per ciò che abbiamo ogni giorno e chiedere anche all'Universo ciò che vogliamo ogni giorno. Dobbiamo restare positivi, anche nei periodi bui. Devi creare la tua felicità. Rimanere concentrato. Aiuta gli altri e sii gentile. Inoltre, utilizza le piattaforme dei social media in modo positivo per rimanere in contatto e interagire con amici, familiari e anche estranei ...

Ho notato che invece di scegliere la prima opzione per strada, alcune persone hanno scelto di fare i propri acquisti in locali/ristoranti/negozi specifici, al fine di supportare una determinata comunità , ad esempio i negozi locali, i neri, le donne imprenditrici, la comunità LGBT o gli amici. Inutile dire che è importante. Perché pensi che ad alcune persone importi e ad altre no?

Ad alcune persone interessa perché vogliono vedere un cambiamento reale e credono che l'azione diretta sia importante. Altri sono indifferenti perché non credono nel favorire un gruppo di persone (indipendentemente dalla necessità di farlo), perché sono egoisti ed egocentrici, o perché preferiscono fare il loro acquisto dove ottengono il miglior prezzo/qualità/servizio, piuttosto che supportare un gruppo in particolare. Alcune persone sono anche palesemente ignoranti e non credono nelle cause supportate da un particolare gruppo. Ad esempio, alcuni dicono che il movimento "black lives matter" non dovrebbe esistere perché tutte le vite contano. Chiaramente, sono stupidi perché le vite dei bianchi  sono già importanti di fatto. Sono le vite dei neri ad essere in pericolo e bisogna agire per fermare finalmente l'ingiustizia nei confronti dei neri.

Grazie Yodé, sei sempre molto diretto e onesto, spero di vederti presto. Voglio dire davvero. Saluta Barcellona

BOUDOIR

DORSODURO,2751

30123 VENEZIA - ITALIA

© 2020 Boudoir Galleria Ottica Venezia